Sport

Testosterone nelle donne a cosa serve?

Il Testosterone è molto importante anche per le donne

Anche se non nella stessa abbondanza degli uomini, anche le donne producono l’ormone androgeno testosterone, nelle ovaie e nelle ghiandole surrenali. Le donne ne hanno bisogno in piccole quantità come parte del mix di ormoni che mantengono stabile l’umore, i livelli di energia, il desiderio sessuale e le funzioni corporee senza intoppi.

Oltre a estrogeni e progesterone, un corpo femminile ha quindi bisogno anche di testosterone: in condizioni normali, la sua concentrazione nelle donne è 10 volte inferiore rispetto agli uomini. Tuttavia, il livello di quest’ormone in una donna non è costante per tutta la vita.

Che impatto ha il testosterone sul corpo delle donne?

Il testosterone è un ormone sessuale presente sia nell’uomo (prodotto dai testicoli), sia nella donna (prodotto dall’ovaio, dal surrene e dal tessuto adiposo). Anche nella donna svolge molteplici funzioni, nello specifico agisce:

  • Sul cervello: aumentando il desiderio sessuale e l’eccitazione mentale; migliorando l’attività cognitiva, aumentando la lucidità intellettuale, la capacità decisionale, l’assertività e la memoria; e agendo positivamente sul tono dell’umore.
  • Sui muscoli: aumentando la massa muscolare, la potenza e la forza, ottimizzando gli effetti di una regolare attività fisica e apportando benefici anche sulle ossa: ne aumenta la densità, contrastando la tendenza all’osteoporosi tipica dell’invecchiamento e della menopausa.
  • Sulla cute: aumentando il contenuto di collagene e di elastina e la produzione di sebo.
  • Sui genitali: aumenta la risposta vascolare (congestione clitoridea) agli stimoli sessuali e rende più intenso l’orgasmo. 
  • Sul fisico: aiuta a mantenere una forma del corpo più giovane, contrastando la tendenza all’aumento di peso sull’addome e sul punto vita.

Come si misura

Per il dosaggio del testosterone, è sufficiente un semplice esame del sangue. Considerate comunque che il testosterone presenta un ritmo circadiano di secrezione, quindi è associato a precisi ritmi fisiologici: i livelli più elevati sono riscontrabili al mattino, orientativamente dalle ore 3.00 alle 9.00.

Cosa succede quando i livelli di testosterone di una donna sono bassi?

Nelle donne i livelli di questo ormone diminuiscono leggermente tra i 20 ei 40 anni, ma non sembra esserci una riduzione brusca e profonda, simile a quella degli estrogeni, al momento della menopausa.

Tuttavia, alcune donne in post-menopausa sperimentano bassi livelli di testosterone che possono causare una diminuzione del desiderio sessuale. In alcune donne, hanno buon effetto “integrazioni” per migliorare la libido.

Bassi livelli di testosterone possono anche causare altri problemi di salute, affaticamento e un aumento del rischio di perdita ossea, osteoporosi e fratture.

Cosa succede quando i livelli di testosterone di una donna sono troppo alti?

Alti livelli di un tipo di androgeno noto come testosterone libero possono causare la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), una condizione che interferisce con i cicli mensili e la capacità dell’organismo di ovulare. Secondo il Dipartimento della Salute e dell’Ufficio del Servizio per la salute delle donne, circa il 10% delle donne in età fertile è affetto da questo problema di salute,

Terapia con testosterone: quando dovrebbe essere presa in considerazione 

Nelle loro linee guida più recenti, la Endocrine Society si è posta contro l’uso generale della terapia con testosterone in donne sane per il trattamento delle seguenti condizioni:

  • Infertilità
  • Disfunzione sessuale diversa dal disturbo da desiderio sessuale ipoattivo (HSDD)
  • Funzione cognitiva
  • Salute cardiovascolare
  • Sindromi metaboliche
  • Salute delle ossa
  • Benessere generale

Esistono prove scientifiche che supportano l’efficacia e la sicurezza a breve termine della terapia con testosterone per le donne in post-menopausa con disfunzione sessuale a causa di HSDD. Gli esperti suggeriscono una dose di prova dai tre a ai sei mesi di preparazioni non orali, come cerotti transdermici, gel o creme.

Se il medico prescrive una terapia in corso, i medici dovrebbero testare i livelli di testosterone ogni sei mesi per monitorare i segni di eccesso di androgeni. Se una donna non ha risposto al trattamento dopo i primi sei mesi di terapia, questo deve essere interrotto.

Iscriviti alla newsletter