Salute

Scopri perché una sana alimentazione può comportare problemi di stomaco

Quando iniziamo ad approcciarci ad un’alimentazione sana, che comprende il consumo di frutta e verdura in maggior quantità e la sostituzione di cereali e farine raffinate con quelle integrali, può capitare di andare in contro a problemi digestivi e gonfiore di stomaco.

Questi sono generalmente effetti a breve termine. 

In questo articolo vedremo quali possono essere le cause dei problemi di stomaco e come regolarli.

Allergie o sensibilità alimentari

Le allergie alimentari sono un problema da non sottovalutare, poiché possono risultare addirittura pericolose per la nostra vita. 

Quelle più lievi invece possono provocare disturbi allo stomaco dovuta ad un’infiammazione. 

Spesso le allergie, intolleranze o sensibilità alimentari spuntano con il passare dell’età, può accadere infatti che all’inizio non si abbiano particolari problemi nel consumo di certi alimenti, questi problemi poi tendono a venire fuori soprattutto quando iniziamo a mangiare cibi nuovi alla quale non eravamo abituati.

Una delle allergie alimentari più comuni è quella ai crostacei, mentre quelle legate alla frutta a guscio sono aumentate con il passare del tempo. 

Spesso quando decidiamo di sostituire determinati alimenti con quelli a base di frutta secca o il consumo di latte vegetale anziché quello vaccino, può scatenare una reazione allergica. 

è consigliabile introdurre questo genere di alimenti poco per volta così da valutare e vedere come reagisce il nostro corpo.

Alternare con i cibi che solitamente consumiamo è un’ottima soluzione, così da capire, nel caso si riscontrino dei problemi, quale sia l’alimento che ci crea quel determinato problema o disturbo.

Eccesso di fibre

Quando si decide di migliorare la nostra alimentazione ci viene consigliato di introdurre cereali integrali, verdure e legumi. Inoltre per quanto riguarda gli spuntini tendiamo a consumare più frutta in sostituzione di prodotti confezionati e più ricchi di zucchero

Tutti questi cambiamenti se fatti da un giorno all’altro può creare un aumento dell’introito di fibre assai notevole. 

Le fibre come ben sappiamo apportano numerosi benefici per la nostra salute, ci mantengono sazi più a lungo, regolano la nostra glicemia e aiutano a regolare il nostro transito intestinale.

Purtroppo però siccome il nostro corpo non è abituato ad un introito di fibre di quel genere può capitare di avere sintomi come la stitichezza o addirittura la nausea. 

In questo caso per evitare questo genere di problemi o per lo meno alleviarli, è importante aumentare l’assunzione di acqua. 

Mancanza di fibre

Al contrario del problema descritto precedentemente, alcuni di noi durante questo cambio di alimentazione, tendiamo a consumare più centrifugati di frutta e verdura, senza tener conto che quando vengono preparati la fibra in essere presente viene eliminata del tutto.

Questo può creare problemi alla nostra digestione con problemi come stitichezza o in caso contrario diarrea. La causa è dovuta al cattivo assorbimento degli zuccheri presenti in frutta e verdura per colpa dell’assenza di fibre.

Consigliamo di iniziare lentamente, non da un giorno all’altro. Gli effetti collaterali che si possono presentare sono momentanei, con il passare dei giorni il nostro corpo piano piano si abituerà. Nel caso però si verifichino allergie o intolleranze gravi è consigliabile comunque sentire il proprio medico.

Lascia un commento e partecipa alla discussione

Iscriviti alla newsletter