Alimentazione Sana

Misurare il cibo con le mani

Spesso mentre si segue una dieta, sia con l’obiettivo di dimagrire o aumentare massa muscolare, può diventare faticoso e impegnativo usare una bilancia. Se ci troviamo fuori a pranzo o cena può essere molto difficile calcolare le quantità di ciò che andremo a consumare. È in questo momento che viene in nostro aiuto l’uso delle nostre mani per calcolare le varie porzioni.

In questo articolo vedremo indicativamente quante calorie ci sono in una manciata o pugno di un determinato alimento e così vedere come fare a calcolare una determinata porzione, vedremo inoltre come misurare il cibo con le mani e così calcolare le quantità esatte senza eccedere in un determinato macronutriente.

Quantità e calorie

Riso e cereali

1 pugno di riso equivale ad una porzione di una tazza ossia circa 100 g di prodotto che corrispondono a 130 calorie.

Verdure

2 pugnetti di verdure miste equivalgono a circa 150 g che contengono 82 calorie.

Frutta

Una manciata di frutta mista sono circa 80 g e contiene 42 calorie.

Olio di oliva

La misura del pollice corrisponderà all’incirca ad un 1 cucchiaio di olio e quindi a 60 calorie. Mentre se prendiamo una sola falange in questo caso equivale a 1 cucchiaino.

Pollo

Una manciata di pollo equivale all’incirca 100 g ed ha 111 calorie.

Mandorle e frutta secca

Quando usiamo la frutta secca nei nostri spuntini e facile spesso esagerare con le quantità e così aumentare l’introito calorico. Basti pensare che 1 g di qualsiasi fonte di grassi fornisce 9 calorie rendendo così questo macronutriente uno dei più calorici.

Una manciata di mandorle contiene all’incirca 40 g e porta al nostro organismo 231 calorie.

Dolciumi

Chi di noi non ha mai adorato da bambino gli orsetti gommosi? Ricchi di zuccheri certo, ma a quanto corrisponde una manciata di questi? La risposta è circa 50 g e apporta al nostro corpo ben 198 calorie. Per chi segue una dieta con lo scopo di dimagrire non è l’ideale sopratutto perché questo tipo di alimento è composto da calorie derivate principalmente da carboidrati quali zuccheri.

Cioccolato al latte

In questo caso oltre alle quantità elevate di zuccheri di cui è composto questo alimento bisogna anche tenere in considerazione il suo contenuto di grassi, 4 quadretti di cioccolato al latte equivalgono a 16,7 g ed ha 90 calorie. 

Patatine

Gustose da sgranocchiare ad un aperitivo o davanti alla tv motivo per il quale spesso non ci accorgiamo della quantità che andiamo a consumare. Una manciata di patatine equivale a 25 g ed ha circa 137 calorie, rendendo così questo alimento molto calorico per una quantità così ridotta.

Come calcolare le porzioni giuste

Quando ci troviamo fuori a mangiare oppure quando non abbiamo la possibilità di usare una bilancia per pesare la quantità giusta di un certo alimento possiamo utilizzare le nostre mani per rendere il nostro piatto equilibrato senza correre il rischio di esagerare.

Proteine

Per evitare di esagerare con le quantità di proteine e fare così un pasto non bilanciato di tutti i macronutrienti ti basterà prendere in considerazione il palmo di una sola mano con le dita unite.

Carboidrati complessi

In questo caso bisogna mettere la mano con il palmo verso l’alto, sempre a dita unite. Immaginiamo di avere un palla da tennis in una mano senza dove farla cadere. Quello che riesce a contenere la nostra mano è la porzione ideale.

Grassi

Quando si tratta di condire un piatto e non sappiamo quanto olio mettere ci basterà prendere in considerazione la misura del proprio pollice. Metà del nostro pollice è la porzione giusta.

Verdure fresche

In questo caso la porzione corretta è quello che riesce a stare in entrambe le nostre mani aperte. 

Verdure cotte

La quantità corretta deve corrispondere al palmo di una sola mano con le dita unite.

Per seguire un’alimentazione equilibrata bisogna avere molta attenzione alle nostre scelte, e assumere questi macronutrienti nelle giuste quantità.

Secondo alcuni esperti il nostro corpo ha bisogno di energia che derivi dal 30% di grassi, il 10/15% dalle proteine e dal 50/55% dai carboidrati. 

Queste sono percentuali da prendere come indicazione di massima, poiché il nostro organismo è diverso l’uno dall’altro. Per avere un calcolo esatto di ciò di cui ha bisogno il nostro corpo è importante tener conto di diversi aspetti, è consigliabile perciò rivolgersi ad un esperto per sapere come suddividere al meglio questi macronutrienti tenendo conto anche dei nostri obiettivi e stile di vita.

Iscriviti alla newsletter