Food

I benefici del cioccolato fondente: è veramente salutare?

Oltre a soddisfare il palato e migliorare l’umore, il coccolato fondente è salutare sotto diversi punti di vista ed è un prezioso alleato nel mantenere efficiente il nostro sistema cardiovascolare.

Sin da bambini ci hanno insegnato che mangiare troppo cioccolato fa male, così come tutti gli alimenti “troppo buoni”. Poi alcune ricerche ha iniziato a mettere in dubbio questa affermazione e qualcuno si è addirittura spinto ad affermare che la variante fondente possa addirittura essere salutare. Qual è la verità e soprattutto perché mangiare cioccolata fondente può fare bene alla nostra salute (oltre che al morale)?

Il cioccolato si realizza principalmente con cacao e zucchero. Ovviamente i benefici del cioccolato sono dovuti al cacao contenuto all’interno. Più il cioccolato è fondente, più alta sarà la % di cacao contenuta all’interno e quindi maggiori saranno i benefici per la nostra salute. Il cioccolato fondente migliore per la salute è quello che contiene almeno il 70% di cacao.

Il cacao è un antiossidante naturale

Il cioccolato è un alimento molto ricco di grassi sia saturi e sia monoinsaturi; tra quelli monoinsaturi il più rappresentato è l’acido oleico, un acido grasso dalle proprietà antinfiammatorie che ritroviamo anche nell’olio extravergine di oliva. Gli acidi grassi saturi più presenti sono invece l’acido stearico e quello palmitico. Inoltre, il cioccolato fondente contiene un’elevata quantità di minerali come il magnesio, il potassio, il rame e il ferro. Ciò che tuttavia rende il cioccolato così benefico per la nostra salute sono i polifenoli in esso contenuti, delle sostanze naturali particolarmente presenti in molti prodotti del regno vegetale e che hanno mostrato avere molteplici proprietà positive.

I benefici del cioccolato fondente

Migliora il sistema cardiovascolare – grazie ai flavonoidi e, in particolare, all’epicatechina, una sostanza che agisce sulle fibre muscolari del cuore consentendo alle arterie di mantenersi flessibili e dilatate.

Ha un effetto antipertensivo – grazie a una maggiore produzione di ossido nitrico, sostanza dall’azione vasodilatatrice.

Ha un effetto antidepressivo e antistress – grazie all’aumento di produzione di serotonina.

Ha un effetto energizzante – grazie dall’azione energizzante di elementi come caffeina, teobromina, teofillina e soprattutto dello zucchero, che però come sappiamo si esaurisce in fretta.

Cioccolato al latte: perché va evitato

Secondo alcuni studi, il cioccolato al latte perderebbe tutte le proprietà antiossidanti. Il latte, infatti, “cattura” le epicatechine (flavonoidi) impedendone l’assorbimento nell’intestino e riducendo, in questo modo, gli effetti cardioprotettivi del cacao.

Attenti a non esagerare

Ovviamente non bisogna eccedere nelle dosi, come ogni alimento va opportunamente dosato, anche perché come sappiamo è ricco di grassi e calorie. Una dose corretta è stimata essere intorno ai 6-7 gr al giorno di extra fondente, più o meno il corrispondente di un quadratino di una comune tavoletta.

Iscriviti alla newsletter